Nel caso M.C. e altri c. Italia, la Corte europea dei diritti dell’uomo chiede all’Italia di pagare agli emotrasfusi contagiati la rivalutazione dell’indennità integrativa speciale

Strasburgo, 9 settembre 2013 – Con sentenza del 3 settembre 2013, la C.E.D.U., nel caso M.C. e altri c. Italia (ricorso n. 5376/11) ha accertato, all’unanimità, la violazione degli articoli 6 § 1 della Convenzione (diritto ad un equo processo), 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione (tutela della proprietà) e 14 della Convenzione (divieto di discriminazione) combinato con l’articolo 1 del Protocollo n. 1.

Il caso riguarda l’impossibilità per i ricorrenti di ottenere la rivalutazione annuale della parte complementare di un’indennità loro accordata a seguito del contagio subito a causa di trasfusione sanguigna o per somministrazione di prodotti derivati dal sangue.

La C.E.D.U. ha ritenuto che l’entrata in vigore del decreto legge n. 78 del 2010 ha violato il principio della preminenza del diritto e il diritto ad un processo equo dei ricorrenti, in quanto questi ultimi hanno dovuto sopportare un carico anormale ed eccessivo. Infine, tale normativa ha inciso in modo sproporzionato sui loro beni.

I ricorrenti sono centosessantadue cittadini italiani che furono tutti contaminati da un virus a seguito di trasfusioni sanguigne o per aver assunto dei prodotti derivati dal sangue.

In forza della legge n. 210 del 1992 gli stessi percepirono o percepivano da parte del Ministero della Salute un’indennità, composta da due voci: un importo fisso e un’indennità integrativa speciale (“IIS”).

Con sentenza del 28 luglio 2005, la Corte di Cassazione dichiarò che le due voci dell’indennità in questione dovevano essere sottoposte a rivalutazione sulla base degli indici ISTAT. Nel 2009, modificando il proprio orientamento giurisprudenziale, la Corte di Cassazione ritenne che la legge n. 210 del 1992 prevedesse una rivalutazione annuale solamente per l’importo fisso e non per l’IIS.

Nel maggio 2010, il Governo intervenne in tale materia con decreto legge d’urgenza n. 78 del 2010, stabilendo che non era possibile rivalutare l’IIS.

Sulla questione molti Tribunali proposero questione di legittimità costituzionale alla Corte costituzionale. La Corte costituzionale, con sentenza n. 293/2011, ritenne che le disposizioni del decreto legge n. 78 del 2010 fossero contrarie al principio di uguaglianza garantito dall’articolo 3 della Costituzione, in quanto prevedevano un trattamento discriminatorio tra due categorie di persone, quelle affette dalla sindrome da Talidomida e quelle affette da epatiti. Era previsto infatti che l’IIS fosse rivalutata annualmente solo per la prima categoria di persone. La Corte Costituzionale dichiarò quindi l’incostituzionalità del decreto legge n. 78 del 2010.

Nonostante ciò, dopo la pubblicazione della sentenza della Corte costituzionale, i ricorrenti non sono riusciti ad ottenere la rivalutazione dell’IIS.

I ricorrenti, invocando gli articoli 6 e 13 della Convenzione, hanno eccepito che il Governo era intervenuto con il decreto legge n. 78 del 2010 in una materia oggetto di contenzioso giudiziario e in cui era parte convenuta.

Invocando l’articolo 1 del Protocollo n 1, i ricorrenti hanno eccepito che senza la rivalutazione, l’IIS avrebbe perso progressivamente d’importanza, facendo presente che tale voce rappresentava tra il 90% e il 95% dell’importo globale dell’indennità riconosciuta.

Invocando gli articoli 14 della Convenzione e 1 del Protocollo n.12, combinati con l’articolo 2 della Convenzione, i ricorrenti eccepirono di essere stati vittime di molteplici discriminazioni.

Quanto agli articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione, la C.E.D.U. ha accertato che l’adozione del decreto legge n. 78 del 2010 ha definito i termini della questione riguardo all’IIS, fornendo un’interpretazione favorevole allo Stato. Tale decreto legge ha avuto infatti come conseguenza quella di definire molti procedimenti giudiziari pendenti, privando i ricorrenti di future decisioni a loro favorevoli, ovvero privando dell’esecutorietà delle sentenze favorevoli già emesse.

Sempre secondo la C.E.D.U. il motivo che ha portato lo Stato italiano ad adottare tale decreto legge non è stato quello di preservare imperativi motivi di interesse generale.

La C.E.D.U. ha rilevato inoltre che la Corte costituzionale aveva giudicato che i criteri adottati con il decreto legge n. 78 del 2010 erano contrari alla Costituzione in quanto avevano introdotto una disparità di trattamento ingiustificata.

Conseguentemente la C.E.D.U. ha ritenuto che l’adozione del decreto legge n. 78 del 2010 ha violato il principio della preminenza del diritto e il diritto ad un processo equo dei ricorrenti. Ha pertanto accertato la violazione dell’articolo 6 § 1 della Convenzione, ritenendo invece non necessario decidere quanto alla lamentata violazione dell’articolo 13 della Convenzione.

Quanto all’articolo 1 del Protocollo n. 1, la C.E.D.U. ha ricordato che entrando in vigore, il decreto legge n. 78 del 2010 da una parte ha privato i ricorrenti dei diritti  riconosciuti da una sentenza favorevole ovvero, dall’altra parte, altri ricorrenti hanno visto  rigettare le richieste avanzate in sede giurisdizionale. Secondo la C.E.D.U. l’adozione di tale decreto legge ha comportato “un carico anormale ed esorbitante” e quindi sproporzionato per i ricorrenti, con conseguente violazione dell’articolo 1 del Protocollo n. 1.

Quanto all’articolo 14 combinato con l’articolo 1 del Protocollo n. 1, la C.E.D.U. ha affermato che nonostante la pronuncia della Corte costituzionale, lo Stato italiano non ha eliminato la disparità di trattamento evidenziata dalla Consulta e conseguentemente ha ritenuto sussistere la violazione della’articolo 14 della Convenzione.

Infine, la C.E.D.U. ha ritenuto che le violazioni dei diritti dei ricorrenti non siano casi isolati, ma sia la conseguenza di un problema strutturale derivante dalla resistenza delle autorità italiane a rivalutare l’IIS, anche a seguito della pronuncia della Corte costituzionale.

La C.E.D.U. ha quindi deciso di applicare al caso la procedura della sentenza pilota prevista dall’articolo 46 della Convenzione. La C.E.D.U. ha così invitato lo Stato italiano a individuare entro sei mesi dall’emanazione della sentenza, un termine tassativo entro cui si impegna a garantire i diritti oggetto di controversia. La C.E.D.U. ha quindi invitato il Governo italiano a versare le somme corrispondenti alla rivalutazione dell’IIS tutte le persone che beneficino dell’indennità prevista dalla legge n. 210 del 1992.

In attesa che le autorità italiane adottino le misure necessarie entro il termine indicato, la C.E.D.U. ha deciso di sospendere i ricorsi non ancora comunicati ed aventi il medesimo oggetto di lagnanza per un periodo di un anno.

Infine,  la C.E.D.U. si è riservata di quantificare i danni materiali e morali subiti dai ricorrenti ai sensi dell’articolo 41 della Convenzione.

Abusi sessuali subiti a scuola da un’allieva di otto anni: l’Irlanda è chiamata a rispondere davanti alla Grande Camera della Corte europea dei diritti dell’Uomo della violazione degli articoli 3, 8. 13 e 14 della Convenzione e 2 del Protocollo n. 1 alla Convenzione

Strasburgo, 6 marzo 2013 – La C.E.D.U. ha tenuto oggi un’udienza di Grande Camera nel caso O’Keeffe c. Irlande. Il caso riguarda la responsabilità dello Stato riguardo ad abusi sessuali subiti da un’allieva, all’epoca dei fatti di circa otto anni, da parte di un insegnante laico quando frequentava una “scuola nazionale” in Irlanda nel 1973. La ricorrente ha eccepito la violazione degli articoli 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti), 8 (diritto al rispetto della vita privata), 13 (diritto ad un ricorso effettivo) e 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione, nonché dell’articolo 2 del Protocollo n. 1 alla Convenzione (diritto all’educazione).

Il ricorso era stato presentato il 16 giugno 2009 e dichiarato ricevibile il 26 giugno 2012. Il 20 settembre 2012 la Camera a cui era stato assegnato il caso l’ha rimesso davanti alla Grande Camera.

Qui sotto il link per vedere la trasmissione dell’udienza.

Nel caso Costa e Pavan la C.E.D.U. ha accertato la violazione del diritto fondamentale al rispetto alla vita privata e familiare garantito dall’articolo 8 della Convenzione a causa del divieto imposto ad una coppia portatrice di una malattia genetica di ricorrere alla diagnosi pre-impianto per una fecondazione in vitro

Strasburgo, 30 settembre 2012 – Con sentenza del 28 agosto 2012, la C.E.D.U. ha deciso che nel caso Costa e Pavan c. Italia (ricorso n. 54279/10) vi è stata violazione dell’articolo 8 della Convenzione (diritto al rispetto della vita privata e familiare).

La vicenda riguarda una coppia italiana portatrice sana di una grave malattia genetica che, per evitare di trasmettere tale malattia avrebbe voluto ricorrere alla procreazione medicalmente assistita con la possibilità così di selezionare gli embrioni sani attraverso il loro esame genetico. Tuttavia la coppia non ha potuto accedere alla diagnosi genetica pre-impianto perché vietata dalla legge n. 40 del 19 febbraio 2004.

I giudici di Strasburgo hanno rilevato l’incoerenza del sistema legislativo italiano. Da una parte esso priva i ricorrenti dell’accesso alla diagnosi genetica pre-impianto, e dall’altra, li autorizza ad effettuare un’interruzione di gravidanza nel momento in cui risulti che il feto concepito è malato della malattia genetica di cui sono affetti.

Secondo la C.E.D.U. l’ingerenza nella vita privata e familiare è sproporzionata.

Nel caso specifico, i ricorrenti sono due coniugi italiani che nel 2006, al momento della nascita della loro prima figlia, scoprirono di essere portatori sani della mucoviscidosi. La loro prima figlia aveva infatti questa grave malattia. Nel 2010 la signora Costa rimase nuovamente incinta. Eseguita una diagnosi prenatale, i ricorrenti scoprirono che il feto era affetto da mucoviscidosi. La signora Costa decise allora di ricorrere all’aborto terapeutico.

La coppia è quindi ricorsa alla C.E.D.U. esponendo che pur desiderando un bambino attraverso il metodo della fecondazione in vitro – la procreazione medicalmente assistita, in modo che l’embrione possa essere sottoposto ad una diagnosi genetica pre-impianto, ciò gli è impedito dalla legge n. 40 del 19 febbraio 2004.

Nel caso di specie i ricorrenti hanno inoltre evidenziato che la diagnosi pre-impianto è autorizzata dal decreto ministeriale n. 31639 dell’11 aprile 2008 solo nel caso di coppie sterili o di coppie in cui l’uomo è affetto da una malattia virale trasmissibile per via sessuale come l’aids o l’epatite B e C.

I ricorrenti hanno pertanto eccepito la violazione dell’articolo 8 della Convenzione (diritto ala rispetto della vita privata e familiare) in quanto, per avere un figlio sano, avrebbero dovuto iniziare ogni volta una gravidanza e, nel caso avessero accertato la trasmissione della malattia genetica, avrebbero potuto far ricorso all’aborto terapeutico, mentre non potevano ricorrere alla procreazione medicalmente assistita e alla diagnosi pre-impianto, tecniche senz’altro meno invasive e doloroe. Inoltre hanno eccepito la violazione dell’articolo 14 della Convenzione (divieto di discriminazione) perché hanno ritenuto di essere stati discriminati rispetto alle coppie sterili e a quelle dove l’uomo è portatore di una malattia sessualmente trasmissibile.

Il caso, presentato il 20 settembre 2010 e trattato in via prioritaria, ha sollevato parecchio interesse a livello nazionale. Nel corso della procedura si sono costituite, quali terzi intervenenti ai sensi degli articoli 36 § 2 della Convenzione e 44 § 3 del Regolamento, anche diverse associazioni, tra cui l’associazione “Luca Coscioni”.

La C.E.D.U. ha ritenuto che la richiesta dei ricorrenti di poter accedere alla procreazione medicalmente assistita e alla diagnosi pre-impianto per avere un bambino sano, in considerazione della malattia genetica di cui sono portatori sani, costituisca una forma di espressione del loro diritto alla vita privata e familiare garantito dall’articolo 8 della Convenzione.

La C.E.DU. ha inoltre constatato che il divieto imposto ai ricorrenti costituisce un’ingerenza “prevista dalla legge” e che ha lo scopo di proteggere la morale e i diritti e le libertà d’altri.

Il Governo italiano ha giustificato tale ingerenza affermando che le limitazioni di legge imposte avrebbero lo scopo di tutelare la salute del “bambino” e della donna, la dignità e la libertà di coscienza dei medici e di evitare il rischio di derive eugeniche.

Riguardo alle argomentazioni sollevate dal Governo, la C.E.D.U. ha innanzitutto precisato che un embrione non può essere certamente considerato come un bambino.

La C.E.D.U. ha quindi ritenuto irragionevole la posizione del Governo.

Essa ha infatti rilevato che il sistema giuridico italiano  da una parte impedisce la diagnosi pre-impianto per accertare la presenza della malattia genetica e, dall’altra, autorizza gli interessati a praticare un aborto terapeutico quando si riscontra che il feto è malato. La C.E.D.U. ha inoltre posto l’accento sul fatto che un aborto terapeutico ha conseguenze dolorose sia per il feto che per i genitori e in particolar modo per la madre.

La C.E.D.U. ha poi tenuto a sottolineare le differenze tra il caso Costa e Pavan c. Italia e S.H. c. Austria dove si era affrontata la questione dell’accesso alla fecondazione eterologa.

Nel caso di specie infatti la C.E.D.U. è stata chiamata a verificare se in un caso di fecondazione omologa come quello in esame vi fosse stata proporzionalità nel divieto imposto dalla legge n. 40/2004 a fronte  della possibilità di praticare un aborto terapeutico, previsto dalla legge, in caso in cui il feto fosse affetto da una malattia come quella di cui i ricorrenti erano portatori sani.

La Corte ha quindi ritenuto che il sistema legislativo italiano è incoerente in quanto lascia ai ricorrenti una sola possibilità, quella dolorosa e piena di sofferenze, ovvero di iniziare una gravidanza e quindi di procedere ad un’interruzione volontaria con un aborto terapeutico ogni volta che dall’esame prenatale risulti che il feto è malato.

Conseguentemente l’ingerenza dello Stato italiano nel diritto dei ricorrenti al rispetto della loro vita privata e familiare è stato ritenuto dalla C.E.D.U. sproporzionato e pertanto in violazione dell’articolo 8 della Convenzione.

Quanto all’articolo 14 della Convenzione, la C.E.D.U. ha invece concluso per la non violazione. Partendo dal principio che una discriminazione nasce da un trattamento diverso applicato a persone che si trovino in situazioni comparabili, la C.E.D.U. ha ritenuto che il divieto di diagnosi pre-impianto è applicato alla stessa categoria di persone e che ad essa non è assimilabile quella delle coppie dove l’uomo è malato di una malattia virale trasmissibile per via sessuale.

Ai sensi dell’articolo 41 della Convenzione, la C.E.D.U. ha condannato lo Stato italiano a pagare ai ricorrenti, a titolo di risarcimento per i danni morali subiti, la somma di 15.000 euro e la somma di 2.500 euro per spese e competenze legali.

A livello normativo interno, la C.E.D.U. ha esaminato non solo la normativa applicabile al caso di specie, ma anche le pronunce emesse in materia dalle giurisdizioni interne, richiamando due sole sentenze, la sentenza del T.A.R. del Lazio n. 398 del 21 gennaio 2008 e l’ordinanza del Tribunale di Salerno n. 12474/09 del 13 gennaio 2010.

Ha poi esaminato una serie di Convenzioni regolanti la materia a livello internazionale. In particolare ha esaminato la Convenzione di Oviedo del 4 aprile 1997 sui diritti dell’uomo e la biomedicina, la direttiva europea n. 2004/23CE del Parlamento europeo e del Consiglio europeo del 31 marzo 2004, il documento di base sulla diagnosi pre-impianto e prenatale pubblicato dal Comitato per la bioetica del Consiglio d’Europa del 22 novembre 2010 (CBDI/INF (2010)6), il rapporto di “Diagnosi genetica per reimpianto in Europa” della Joint Reserach Centre della Commissione europea del dicembre 2007 (EUR 22764 EN) e il rapporto consultativo riguardante le malattie rare e la necessità di un’azione comune del Parlamento europeo del 23 aprile 2009. Infine, la C.E.D.U. ha condotto un esame comparato dei vari sistemi legislativi degli Stati europei facenti parte del Consiglio d’Europa, riscontrando che la diagnosi pre-impianto per prevenire la trasmissione di malattie genetiche è vietata solo in Austria, Italia e Svizzera e che in quest’ultimo paese si sta procedendo per una riforma legislativa.

La sentenza ha suscitato reazioni anche forti a livello nazionale.

In particolare il Governo italiano è intenzionato a ricorrere alla Grande Camera della C.E.D.U. perché si pronunci riformando la sentenza del 28 agosto 2012 e dichiarando che non vi è stata violazione dell’articolo 8 della Convenzione.

Ritengo che la C.E.D.U. nell’esaminare la vicenda sia stata prudente ed abbia valutato con attenzione tutti gli aspetti, attenendosi all’esame del caso specifico.

Pertanto sarà difficile convincere i Giudici di Strasburgo, anche riuniti in Grande Camera, che il divieto della diagnosi pre-impianto su embrioni provenienti da una coppia portatrice di una grave malattia genetica possa essere ritenuto legittimo in una società democratica, tanto più quando nel sistema giuridico italiano è previsto comunque l’aborto terapeutico in caso di riscontro della stessa malattia nel feto.