Povertà e disuguaglianze nelle società dei diritti umani: il paradosso delle democrazie

Immagine

Strasburgo, 20 febbraio 2013 – Con l’obiettivo di porre le basi di una rinnovata strategia di lotta alla povertà, il Consiglio d’Europa organizza, in collaborazione con la Commissione europea, una conferenza il 21 e 22 febbraio a Strasburgo sul tema “Povertà e disuguaglianze nelle società dei diritti umani: il paradosso delle democrazie”.

Thorbjørn Jagland, Segretario generale del Consiglio d’Europa e László Andor, Commissario europeo per l’Occupazione, gli Affari sociali e l’Inclusione, apriranno la conferenza giovedì 21 febbraio alle ore 9.00 nell’emiciclo del Palais de l’Europe.

La conferenza si propone i seguenti obiettivi:
- analizzare la situazione attuale e individuare gli ostacoli alla lotta contro la povertà e le disuguaglianze, 
- formulare proposte concrete per progredire in questa campo, tenendo conto della necessità di ascoltare i bisogni di tutti, di ottimizzare le risorse e di condividerle, 
- scambiare e condividere esperienze, conoscenze e pratiche per mettere in atto azioni innovative.

Oltre 400 partecipanti provenienti da 55 paesi e da ambienti diversi – politici, attori istituzionali, ricercatori, attivisti, rappresentanti di associazioni e di reti di ONG e persone che vivono in situazione di povertà e di precarietà– e 65 oratori discuteranno su come favorire la condivisione delle risorse e dei beni comuni, evitando gli sprechi.

La conferenza è frutto di due anni di riflessioni condotte nell’ambito del Progetto “I diritti umani delle persone che vivono in condizioni di povertà”, cofinanziato dalla DG Occupazione, Affari sociali e Inclusione della Commissione europea e dal Consiglio d’Europa. 
  


I risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto sono sviluppati in due pubblicazioni del Consiglio d’Europa, che saranno rese pubbliche in occasione della conferenza:

- La guida “Vivere in dignità nel XXI secolo – povertà e disuguaglianze nelle società dei diritti umani: il paradosso delle democrazie” 
- Il numero 25 della collana Tendenze della coesione sociale “Ridefinire e combattere la povertà: diritti umani, democrazia e beni comuni nell’Europa contemporanea”.

La conferenza sarà trasmessa in diretta sul sito del Consiglio d’Europa. 


Conferenza in diretta

Galleria foto

Sito Internet della Conferenza

Programma

Il Consiglio d’Europa partecipa al Forum sulla Governance di Internet 2011: aumentare al massimo i diritti e ridurre al minimo le restrizioni nel cyberspazio

Strasburgo, 29 settembre 2011 – Occorre estendere al massimo i diritti e limitare al minimo le restrizioni, sforzandosi al contempo di proteggere Internet da ogni perturbazione, tutelare i diritti umani on line e combattere la criminalità informatica: è questo il messaggio principale del Consiglio d’Europa al 6° Forum sulla Governance di Internet (FGI), organizzato dalle Nazioni Unite a Nairobi dal 27 al 30 settembre prossimo.

L’accesso a Internet è diventato la condizione preliminare per garantire a ogni individuo la libertà di espressione e di associazione e la possibilità di partecipare alla vita pubblica. Un certo numero di minacce pesano tuttavia su Internet; per affrontarle, è necessaria una cooperazione internazionale. In che modo possono cooperare gli Stati, le imprese e la società civile per tutelare la libertà, la vita privata e la sicurezza degli utenti di Internet, in modo che si sentano fiduciosi e protetti navigando on line?

Al forum il Consiglio d’Europa presenterà le attività svolte per rispondere a queste e ad altre domande. Organizzerà quattro workshop e un forum di discussione, e fornirà il suo contributo a una sessione dedicata al Dialogo europeo sulla Governance di Internet (EuroDIG). Interverrà inoltre nell’ambito di altre sessioni, con la presenza di numerosi partecipanti e animatori. Maud de Boer-Buquicchio, Vice Segretario generale del Consiglio d’Europa, parteciperà a numerosi dibattiti e alla cerimonia di apertura.

I Workshop e il Forum di discussione organizzati dal Consiglio d’Europa

nell’ambito dell’IGF

Priorità ai diritti umani: “la fase costituzionale” della governance di Internet? – La discussione verterà sui nuovi principi per la governance di Internet adottati dal Consiglio d’Europa e basati sui diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto.

Rafforzare la protezione transfrontaliera dei dati a carattere personale su Internet – La discussione riguarderà i lavori condotti dal Consiglio d’Europa per aggiornare la sua Convenzione sulla protezione dei dati, in modo da adeguarla alle sfide rappresentate da Internet.

Forum di discussione: verso una strategia del Consiglio d’Europa sulla governance di Internet 2012-2015 – Saranno affrontate le priorità, le attività e le aspettative del Consiglio d’Europa per i prossimi quattro anni.

Strategie di lotta contro la criminalità informatica – Numerosi governi adottano politiche e strategie finalizzate a garantire la cybersicurezza, ma sono ancora rari quelli che elaborano politiche o strategie specifiche destinate a lottare contro la criminalità informatica. Il workshop esaminerà le strategie di cybersicurezza e di lotta contro la cybercriminalità, e il ruolo svolto dai soggetti interessati.

Ottenere un consenso sull’universalità, l’integrità e la trasparenza di Internet – In che modo gli Stati collaborano per proteggere Internet contro le perturbazioni? Quali sono le loro reciproche aspettative per preservarne il funzionamento e la sostenibilità, nel rispetto dei diritti umani, dello stato di diritto e della democrazia?

Per ottenere maggiori informazioni sul FGI, www.coe.int/Internet, www.intgovforum.org

Dossier speciale