Discriminazione nei confronti dei Rom e dei Sinti, il Comitato europeo per i diritti sociali del Consiglio d’Europa dichiara ricevibile un reclamo collettivo contro l’Italia

Strasburgo, 3 marzo 2010 – Il Comitato europeo per i diritti sociali del Consiglio d’Europa ha dichiarato ricevibile il reclamo Housing Rights and Evictions (COHRE) c, Italia (n. 58/2009) (disponibile in versione inglese e francese). Con tale reclamo si denuncia la violazione da parte dello Stato italiano degli articoli 16 (diritto della famiglia a una protezione sociale, giuridica ed economica), 19 (diritto dei lavoratori migranti e delle loro famiglie alla protezione e all’assistenza), 30 (diritto alla protezione contro la povertà e l’esclusione sociale) e 31 (diritto all’alloggio), articoli invocati autonomamente o combinati con la clausola di non discriminazione contenuta nell’articolo E della Carta sociale.

Il COHRE ha denunciato la situazione dei Rom e dei Sinti in Italia, ponendo l’attenzione sulla normativa d’urgenza e sulle politiche nazionali che discriminano e violano diversi articoli della Carta sociale europea. Il COHRE ha posto l’accento sulla situazione di segregazione in cui versano i Rom e i Sinti e sul fatto che le misure di sicurezza adottate dall’Italia a partire dal maggio 2008, pur riferendosi genericamente ai “nomadi”, hanno alimentato una propaganda razzista e xenofoba nei confronti dei Rom e dei Sinti. Ciò ha portato ad una mancanza di protezione e di assistenza a favore di tali popolazioni.

Respingimenti verso la Libia, l’organizzazione Human Rights Watch denuncia il brutale trattamento dei migranti in quel Paese

Strasburgo, 23 settembre 2009 – Il 20 settembre Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto dal titolo « Pushed Back, Pushed Around – Italy’s Forced Return of Boat Migrants and Asylum Seekers, Libya’s Mistreatment of Migrants and Asylum Seekers » (Scacciati e schiacciati), dedicato ai respingimenti in mare dei migranti verso la Libia effettuati dall’Italia.

Nel rapporto si fa riferimento al brutale trattamento riservato ai migranti dalle autorità libiche, in piena violazione dei loro diritti fondamentali.

Human Rights Watch chiede all’Italia di interrompere immediatamente il trasferimento verso la Libia dei migranti trovati in mare.

Apertura dell’anno giudiziario 2009 della CEDU: conferenza stampa e pubblicazione del rapporto annuale 2008

Strasburgo, 31 gennaio 2009 –  Alla conferenza stampa (parte 1, 2 e 3), tenutasi il 30 gennaio 2009, in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario, il Presidente della CEDU Jean-Paul Costa ha fatto un bilancio dell’attività svolta da questo organismo internazionale. In quest’occasione è stato pubblicato il rapporto annuale per l’anno 2008 (versione inglese e francese).